Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Al Festival Teatro Scuola di Altomonte, l’IC Rodari al primo posto con “La valigia” di Corrado Plastino

Al Festival Teatro Scuola di Altomonte, l’IC Rodari al primo posto con “La valigia” di Corrado Plastino

Ha emozionato il pubblico e convinto la giuria del Festival di Altomonte, che gli ha attribuito l’ennesima vittoria, il nuovo lavoro teatrale dal titolo “La valigia”, messo in scena da un nutrito gruppo di alunni e docenti dell’IC Rodari di Soveria Mannelli e Carlopoli, con alla guida l’autore del testo e co-regista Corrado Plastino, coadiuvato alla regia da Giusi Marasco, Emilia Molinaro, Gabriella Sirianni e Cinzia Fiorenza.

Non è la prima volta, infatti, che i ragazzi della scuola secondaria di primo grado di questi due piccoli paesi, cui il Monte Reventino fa un po’ da barriera verso il mare e un po’ anche da sfondo carico di bellezza, riescono a far inscrivere il nome della propria scuola nell’albo d’oro di uno dei più prestigiosi festival teatrali per le scuole di tutta Italia.

Quest’anno, il racconto, che coniuga sempre la valenza didattica del teatro e lo studio di un preciso periodo storico, ha affrontato il tema della promulgazione delle leggi razziali da parte del regime fascista e della deportazione ad Auschwitz degli ebrei che in quel momento affollavano il ghetto di Roma.

Un momento particolarmente critico della nostra storia nazionale, che a volte si tende a rimuovere e che invece – come ci insegnano i ragazzi (nelle vesti di attori) e i docenti (nei ruoli di autore e registi) – non possiamo permetterci di dimenticare, soprattutto in un’epoca in cui affiorano nuove forme di razzismo con nuove potenziali vittime sacrificali.

Ma naturalmente, sulla scena, la Storia con la S maiuscola rimane a fare da sfondo per dare risalto a una storia più personale ma non meno significativa: quella di una nonna che ricorda la propria adolescenza e la racconta alla nipote, in uno scambio tra generazioni che le arricchisce entrambe e che trasferisce verità storiche da quella che un ricercatore definirebbe una fonte diretta.

La scrittura del professor Corrado Plastino, che ormai da anni si cimenta con testi “difficili” per i temi trattati e per la complessità della costruzione narrativa, non ha impedito alla rappresentazione di arrivare a tutti e toccare le corde giuste, anche quelle dei giurati che non hanno esitato a proclamare l’opera vincitrice della XX edizione del Festival.

Se vogliamo trarre anche noi una lezione da questa storia, tirarla fuori dalla valigia, è che i nostri ragazzi non sono secondi a nessuno e meritano un’attenzione speciale per il loro futuro. Un’attenzione che non sia quella – sterile – di formarli per fargli abbandonare questi luoghi al più presto possibile, ma al contrario di consentirgli di crescere – anche professionalmente – assieme al loro territorio.

di Raffaele Cardamone

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Associazione Sud Italia Trapiantati, traguardo dei 25 anni fondazione e iniziativa solidale

Il Galà ASIT si compone di un percorso raffinato – ideato e offerto dal noto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *