Ultime Notizie
Home » LUOGHI » Alla riscoperta della “curva dei tedeschi” escursione dell’asd Calabriando

Alla riscoperta della “curva dei tedeschi” escursione dell’asd Calabriando

La curva dei tedeschi, quanti la conoscono, ne hanno sentito parlare o sanno dove si trova. Andare alla riscoperta di vecchie storie di montagna attraverso delle escursioni è quanto si prefigge il gruppo dell’asd Calabriando di Catanzaro, affiliata al comitato UISP del capoluogo.

Nel corso del week end, sulla neve della Sila, si è svolta l’ennesima iniziativa dell’asd Calabriando di Catanzaro per riscoprire le tante storie che la montagna calabrese conserva e che spesso restano dimenticate, è quanto scrive in una nota, pervenuta in redazione, Felice Izzi presidente Comitato UISP di Catanzaro.

Armati di ciaspole e di tanta voglia di divertirsi, il nutrito gruppo di escursionisti, tra cui alcuni bambini, ha trascorso due giorni bellissimi camminando sulla neve della Sila. Nella giornata di domenica 3 febbraio 2019, complice una bella giornata, gli escursionisti sono partiti da Bocca di Piazza (m. 1238 slm) in direzione località Camporotondo (m. 1300) e lago Savuto (m. 1197), per poi giungere nei pressi della presa sul medio Savuto. In tutto 8 km circa, immersi nella bellezza della natura invernale, che hanno permesso di conoscere manufatti e costruzioni dell’uomo e vari tesori ambientali della montagna.

Soprattutto è stato possibile conoscere la storia della “curva dei tedeschi”, che si trova poco distante dal Bivio Spineto (direzione Bocca di Piazza); si tratta di un’ampia curva a destra sulla strada, dove furono seppelliti nel settembre 1943 cinque soldati tedeschi, morti nel bombardamento degli aerei inglesi sull’autocolonna militare tedesca che ripiegava su Napoli e Cassino dopo l’armistizio dell’8 settembre e i conseguenti tragici giorni di caos. Cinque croci di ferro con gli elmetti e il nome dei caduti furono poste sul luogo dai tedeschi, poi negli anni sessanta i familiari dei deceduti recuperarono i resti riportandoli in Germania.

La storia (insieme a molte altre) con i suoi dettagli è stata ben ricordata da Michele Belcastro in articoli e libri. Belcastro (classe ’38) è stato infatti testimone oculare di questa e altre vicende, avendo vissuto a lungo sulla Sila; e da tempo si accompagna con gli amici uispini nei boschi e nei luoghi della Sila che così ben conosce, sempre rigorosamente a piedi.

In passato la sua presenza è stata preziosa nella conoscenza di altre storie e altri luoghi: la tragedia degli otto operai morti nel lago Ampollino nel ’54, la vicenda di “Mamma Giuseppina”, gli affascinanti racconti di vita, tra lupi e neve, in Sila; i ricordi legati a dighe, aziende boschive e centrali idroelettriche, il tutto ai tempi in cui non esistevano cellulari, internet e mezzi di trasporto.

Sulla curva dei tedeschi il gruppo ha posto un cartello temporaneo, ma in futuro il Comune di Parenti, potrebbe apporre una targa a beneficio dei passanti, per ricordare quest’altra vecchia storia di montagna. Far conoscere queste e altre storie può servire infatti a non dimenticare il passato e a contribuire allo sviluppo sociale e culturale della nostra bellissima Sila.

di: La redazione

Avatar
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Viaggio in paradiso, perché le Maldive sono sempre una buona scelta

Tutti se la meritano una settimana in riva al mare, un assaggio di pace sospesa ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *