Ultime Notizie
Home » COMUNI » Carlopoli » “Cammini del Sud”, l’associazione inaugura a Lamezia Terme la sede operativa della Calabria

“Cammini del Sud”, l’associazione inaugura a Lamezia Terme la sede operativa della Calabria

LOGOCAMMINI“Cammini del Sud” è un’associazione che raggruppa i diversi sodalizi che in questi anni hanno saputo tracciare i percorsi di mobilità e incentivare il passaggio di pellegrini e camminatori lungo le più importanti tratte camminabili a Sud di Roma.  Nella terza assemblea costituente del coordinamento nazionale “Cammini del Sud” svoltasi nelle scorse settimane nella prestigiosa Torre di Porta Napoletana a Velletri, nel gruppo nazionale a rappresentare la Calabria era presente Antonio Mangiafave di “Progetto Gedeone” (associazione che da qualche anno ha a cuore lo sviluppo dell’ex abbazia di Corazzo nel territorio del Reventino).  Nell’incontro, alla presenza dei delegati delle associazioni delle nove regioni del Centro e Sud Italia, Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna – ricordiamo che il Progetto Gedeone di Corazzo è tra i promotori rappresentando la Calabria – si sono discussi i punti salienti del progetto che mira a coordinare, valorizzare e connettere le vie di mobilità lenta del Centro Sud d’Italia.

Riguardo alla sede, che sarà a Lamezia Terme,  di cui si è dotata l’associazione si tratta dell’“Ecomuseo Luogo della Memoria” di Sambiase: atrio III, via Ferruccio. La struttura funzionerà come punto di riferimento del progetto e sarà anche la base di partenza, il primo luogo imperdibile per i pellegrini-camminatori desiderosi d’esplorare le bellezze paesaggistiche e il patrimonio culturale del circondario lametino, prima d’iniziare il percorso che porta sulle vie di Gioacchino da Fiore.

Zaffina-fornoIn sette sale della casa di rione Patelle, risalente al secolo XIX, di proprietà degli antenati dell’ideatore del Museo, prof. Umberto Zaffina, sono raccolti quasi mille oggetti appartenenti all’arredo familiare. L’esposizione è divisa per gruppi tematici (stanza da letto, cucina, lavori agricoli, artigianato e una piccola biblioteca contenente archivi, fototeca e i documenti cartacei della raccolta) e rappresenta un percorso di recupero fondamentale della più tipica tradizione sambiasina. Foto, libri, arredi, ridanno vita al passato, fornendo una visione reale della vita e della cultura di un tempo.

Poco distante dall’edifico principale si può visitare il laboratorio tessile dove, con i telai in legno, alla maniera antica, si tenta di riportare in vita una delle attività più antiche e nobili del territorio lametino, da sempre connotato da intraprese manifatturiere.

Zaffina metterà a disposizione non solo i locali ma tutte le sue competenze, per raccontare al meglio il territorio. Un ringraziamento sentito per la disponibilità da parte dei “Cammini del Sud”.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

“A pigghiata” la rappresentazione della passione e morte di Gesù si rinnova a Settingiano

“A Pigghiata” (La Presa) che si rappresenta da tempi antichi a Settingiano viene riproposta dalla ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *