Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Carabinieri ritrovano due adolescenti dispersi sul Monte Reventino

Carabinieri ritrovano due adolescenti dispersi sul Monte Reventino

foto compagnia carabinieri Soveria MannelliSoveria Mannelli – Si è conclusa con la buona notizia del ritrovamento, diffusa dai carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli, l’avventura per due ragazzi, di 15 e 16 anni, che si erano smarriti sul Monte Reventino mentre effettuavano un percorso in bicicletta. Attivate le ricerche, a seguito delle operazioni di perlustrazione, i due adolescenti sono stati rintracciati da una pattuglia dei carabinieri.

Il pronto intervento è scattato con immediatezza, a seguito dell’allerta ricevuto tramite una chiamata quando da poco passate le ore 18:00 dell’altro ieri giungeva alla centrale della Compagnia di Soveria Mannelli una chiamata di soccorso da parte di un giovane residente di Decollatura che dichiarava di essersi smarrito insieme ad un suo coetaneo mentre erano in bici in escursione sulle alture del Monte Reventino.

Raccolte alcune parziali e generiche informazioni dal minore, il militare addetto alla centrale operativa attivava le ricerche dei due minorenni con tutte le pattuglie presenti sul territorio.

Le operazioni, rese difficili per la totale oscurità che avvolgeva tutta l’area montuosa circostante, caratterizzata da infinite strade sterrate, mulattiere e sentieri, si sviluppano all’incirca per tre ore continuative. I due ragazzi, cui veniva chiesto di prestare ascolto con attenzione al suono delle sirene attivate dalle pattuglie allo scopo di correggere e dirigere meglio la loro rotta, restavano nel frattempo fermi sul posto, mostrando per telefono anche un certo sentimento di sconforto per la situazione di stallo che si era venuta a creare.

Dopo numerosi tentativi, i due ragazzi venivano alla fine ritrovati in una località isolata impervia addirittura del comune di Conflenti, abbastanza distante dalla vetta del Monte Reventino da cui erano partite le ricerche.

I minori venivano quindi recuperati, insieme alle loro bici, e ricongiunti ai propri genitori che attendevano con normale apprensione l’esito positivo delle operazioni. Visitati al Pronto soccorso dell’ospedale di Soveria Mannelli, i ragazzi venivano riscontrati in buono stato di salute, benché ovviamente infreddoliti per la prolungata esposizione alle temperature basse della stagione a quelle altitudini (3°-6° ad altezza di circa 1.000 mt s.l.m.).

E’ il caso di approfittare dell’episodio finito bene per ricordare ad escursionisti e appassionati della montagna, pur non rinunciando a visitare le bellezze naturalistiche del nostro monte Reventino, anche per evitare che possa succedere in futuro, che è sempre buona norma attuare comportamenti previdenti e seguire tutte le precauzioni possibili dato che le insidie in montagna sono sempre inaspettate.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Carlopoli “Giornate dell’Archeologia” visita della Soprintendenza all’Abbazia di Corazzo

di Raffaele Arcuri – E’ stata una bellissima mattinata trascorsa tra i ruderi dell’Abbazia di ...

Lascia un commento