Ultime Notizie
Home » COMUNI » Carlopoli » Carlopoli, nella suggestiva atmosfera dell’Abbazia di Corazzo celebrato il primo matrimonio civile

Carlopoli, nella suggestiva atmosfera dell’Abbazia di Corazzo celebrato il primo matrimonio civile

di Raffaele Arcuri –

Una suggestione ed una scenografia unica hanno avvolto la coppia di sposi,  Ivan e Simona, che hanno deciso di celebrare il matrimonio nell’Abbazia di Santa Maria di Corazzo nel comune di Carlopoli.

Un evento particolare dato che costituisce il primo matrimonio civile celebrato nel chiostro dell’antico monastero, il rito si è svolto tra i ruderi delle imponenti mura rimaste in piedi di quello che costituisce il più importante bene archeologico del Reventino, luogo che conserva ancora intatto tutto il suo fascino e dove ricordiamo l’abate calabrese Gioacchino da Fiore “di spirito profetico dotato” scrisse alcune delle sue opere più importanti.  

L’amministrazione comunale di Carlopoli prosegue nell’impegno e continua a lavorare per la sua valorizzazione. E’ stato il sindaco di Carlopoli, Mario Talarico, ad unire in matrimonio gli sposi, Ivan e Simona, a cui vanno gli auguri di una vita felice.

Lui di Carlopoli, lei di Trinitapoli, un borgo medievale in Puglia nella provincia di Barletta-Andria-Trani, hanno invitato a partecipare parenti ed amici alla loro unione scegliendo di suggellare il fatidico momento nel magnifico scenario dell’Abbazia di Santa Maria di Corazzo che ha sicuramente regalato agli sposi ed ai partecipanti una ulteriore emozione per la singolarità del luogo. 

 

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

San Pietro Apostolo, il museo permanente nel Palazzo Tomaini custode della memoria storica

San Pietro Apostolo – Quante volte abbiamo sentito dire che sarebbe davvero un peccato far ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *