Ultime Notizie
Home » COMUNI » Controlli dei carabinieri: rinvenuta una piantagione di marijuana a Serrastretta

Controlli dei carabinieri: rinvenuta una piantagione di marijuana a Serrastretta

FOTO COMPAGNIA Soveria MannelliNei giorni scorsi i carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli hanno intensificato i controlli mirati al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti. E gli esiti delle ricognizioni si sono rilevati positivi. Le operazioni di accertamento hanno portato al ritrovamento di alcune coltivazioni di marijuana per come informa una nota – pervenuta in redazione – diffusa dal capitano Domenico De Biasio  che dirige la Compagnia di Soveria Mannelli.

de_biasio_domenico capitanoIn particolare, nella mattinata di martedì 26 luglio, i carabinieri della stazione di Serrastretta, all’esito di un servizio perlustrativo finalizzato al rintraccio di piantagioni di marijuana nell’area del Reventino, ove da sempre vengono realizzate illegalmente questi tipi di coltivazioni soprattutto per la facilità di mimetizzare le piante di cannabis nella vegetazione circostante sfruttando la vastità dell’area boschiva a disposizione e i numerosi corsi d’acqua utilizzati per l’irrigazione delle piante, individuavano, nella frazione Accaria di Serrastretta, in area impervia isolata all’interno di una terrazza di una vecchia abitazione da anni in disuso, 41 piante di marijuana messe a dimora in alcuni vasetti, di altezza compresa fra i 40 e i 70 cm, in apparente stato di abbandono.

militari piantagione carabinierijpgLa modalità di coltivazione all’interno di vasetti e soprattutto il luogo ove è stata rinvenuta la piantagione fa ritenere che le quarantuno piante siano state occultate all’interno dell’edificio per essere maggiormente protette dalle “attenzioni” di eventuali osservatori esterni, potendo, in caso di emergenza, provvedere all’immediata rimozione dei vasetti posizionati sulla terrazza.

I carabinieri procedevano così a prelevare un campione delle piante per poter esperire successive analisi di laboratorio provvedendo alla distruzione del restante lotto sequestrato, mentre proseguono intanto le indagini volte ad individuare il responsabile della condotta di coltivazione di sostanze stupefacenti.

 

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: redazione@ilreventino.it - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Associazione Sud Italia Trapiantati, traguardo dei 25 anni fondazione e iniziativa solidale

Il Galà ASIT si compone di un percorso raffinato – ideato e offerto dal noto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *