Ultime Notizie
Home » CULTURA&SPETTACOLI » Fabio Strinati e la sua poesia: da Marzi a “L’esigenza del silenzio”

Fabio Strinati e la sua poesia: da Marzi a “L’esigenza del silenzio”

Fabio Strinati è un giovane poeta, che è nato e vive nelle Marche, del quale, qualche tempo fa, abbiamo pubblicato una poesia dedicata a Marzi e alla Valle del Savuto, scritta con un tale trasporto che ne tradiva le probabili origini, se non sue, senz’altro della sua famiglia o quanto meno una frequentazione amorevole e attenta di questi luoghi.

Per chi avesse voglia di rileggerla: MARZI

In quest’ultimo periodo, Strinati sta promuovendo il suo nuovo libro che s’intitola: “L’esigenza del silenzio”, scritto a quattro mani con la poetessa Michela Zanarella e pubblicato con Le Mezzelane Casa Editrice. La prefazione è curata dal poeta, romanziere e saggista calabrese Dante Maffia. Del libro si sta peraltro organizzando una serie di presentazioni in Calabria.

Di seguito, come anteprima dell’opera, e gradito regalo per i nostri lettori, pubblichiamo tre poesie scelte dalla raccolta, dallo stesso autore, e la pregevole prefazione scritta da Dante Maffia.

*  *  *

Non so cosa proverai
vedendo il cielo accanto a me
e cosa ti dirà l’orizzonte
dall’incontro dei nostri sguardi.

La luce ci salverà entrambi
dall’imbarazzo e dalle ombre del passato.

Ci sentiremo figli di un tempo
mai spento negli inganni della vita.

Prenderemo dal sole
una pioggia calda di segreti
e al vuoto degli occhi faremo spazio
allo stupore che diventeremo.

Ci alzeremo tra i giorni
come confini che si esplorano
tolto il buio dal cuore
e la fatica degli amori spinti
troppo in alto.

Ci capiremo credo
senza troppe parole
solo ad istinto
respirando il mondo
con lo stesso colore
nella corrente che soffia
aquiloni rossi
addosso al tramonto.

*  *  *

Ho imparato presto a camminare
sulla scacchiera di un’epoca
a me contraria.

Ho visto nella folta spirale
l’imbarazzo per un’avventura
chiamata vita
che ormai per dissimmetria
ho presto dimenticato.

Ho visto te come nutrice di astri,
e in me, la moltiplicazione
di speranze indomabili
come sospiro ad ogni patimento.

Ho imparato la parola,
rarissima perla contro il pianto
e la tristezza carica d’aroma.

*  *  *

Ti parlo di me
di quando dal grembo di mia madre
già chiedevo di andare
tra le pareti della vita.

Non ho aspettato come gli altri
ma sono uscita ad occhi chiusi senza urlare
muta senza fiato nei polmoni.

Mi ha aiutato il cielo
ad esistere tra il sole e la luna
ed ho accettato il senso
di crescere a fatica
guardando oltre il buio
che manda la sera a farsi notte.

Ti parlo di una bambina
che giocava sola tra le rose
e che ha stretto spine tra le dita
per ricordarsi che il dolore non le fa paura.

Ora ti racconto di una donna
che forse ancora non sa cos’è l’amore
ma che ha spinto l’anima verso il mare
per conoscere l’immenso
insieme al volo dei gabbiani.

 

Prefazione

di Dante Maffia

Mi piacciono queste operazioni a quattro mani, è come confrontarsi, sfidarsi, correre insieme a un traguardo che prevede, quali che siano i risultati, un premio di solidarietà e di considerazione dell’altro.

Il lettore però farebbe un grande errore se cominciasse a confrontare i testi, a metterli controluce per verificarne il peso e stabilire un premio da assegnare. Il viaggio è compiuto insieme e il giudizio, anzi l’abbraccio, deve andare a tutti e due, perché comunque hanno voluto unificare lo spirito e gli intenti, sia Michela e sia Fabio, forse per dimostrare che la poesia non avrebbe bisogno di essere firmata quando sa toccare le corde essenziali del sognare, dell’essere angosciati e del morire, dell’essere inquieti e gioiosi. Cioè i sentimenti più profondi e i nodi complicati del vivere.

Ho letto con molta attenzione sia i componimenti di Michela Zanarella e sia quelli di Fabio Strinati. Sembrano due mondi apparentemente lontani e che però trovano subito il saldo e l’equilibrio nello scambio che non segue una logica organizzata ma trova sempre la nota giusta per “completare” il dettato dell’altro e viceversa.

Michela Zanarella è ormai una presenza attiva e di grande rilievo nella poesia italiana e forse anche per questo motivo ha accettato il gioco con Fabio Strinati che mostra una magnifica tenuta del verso. I due poeti creano un canto a due voci ma che presto diventa sinfonia nella quale si esplicitano le emozioni sui grandi temi dell’esistenza. Infatti l’argomentare è tenuto quasi su un piano metafisico e fa sentire i rintocchi di un lirismo di cui abbiamo un po’ perduto la conoscenza. Né a Michela né a Fabio interessano le trovate o le improvvisazioni ricavate dalla quotidianità, ma si tuffano nel mare immenso del crepitio esistenziale per trarne le ragioni più appropriate di un canto capace di indagare sui misteri.

C’è, in ognuna delle composizioni, un’ansia che si tocca quasi con mano, una trepidazione che sembra nascere da lontano e che subito investe la vita nelle sue diramazioni.

Le due sensibilità poetiche a un certo punto si abbracciano in una sorta di profonde accensioni che fanno scaturire “messaggi” cifrati e danno avviso di scoscendimenti pericolosi.

Una poesia così ha bisogno di essere ascoltata e direi vissuta in prima persona per intenderne tutta la portata, ha bisogno di trovare adesione piena per poterne cogliere il magma incandescente che vi scorre e per poterne assaggiare le valenze umane e culturali.

A un certo punto Michela scrive: “ Mi capirai / quando sarò lontana dal mondo / e mi chiameranno solitudini / a farmi casa nel silenzio?”. E’ questa l’esigenza del silenzio, o presuppone altro? E’ questa e presuppone anche l’individuazione di una possibilità per poter vivere il silenzio (che è sempre vivo, come dice D’Annunzio) nella pienezza dei suoi riscontri segreti?

Un lirismo che non svicola in sfumature astratte, ma che ferma la sua attenzione sui risvolti esistenziali, com’è nella tradizione che va da Leopardi a Goethe a Rilke.

Zanarella e Strinati sono coscienti di possedere le qualità per inseguire il Mistero, per non soccombere agli astratti furori e per non morire dentro le dissolvenze delle attese inutili. Ecco perché queste poesie sanno di pane casareccio e di vino buono pur essendo nate nel fuoco ardente e lampeggiante di un crogiolo di vita che ci riporta agli imperanti sfaldamenti del secolo, quelli che ha interpretato Fernando Pessoa, ma anche a Milosh, Herbert e la Cvetaeva. Non sono citazioni a caso, sono riferimenti di elezione, non per forza rinvii di affiliazione, e ciò dimostra quanto lavoro, a volte estenuante, sta dentro la costruzione de L’esigenza del silenzio, che è anche implicito giudizio sulla decadenza attuale dei valori fondamentali e sulla perdita di identità.

Ma un altro aspetto vorrei sottolineare di questi versi così densi e pieni di amarezza e anche di una certa gioia fragrante e limpidamente vissuta come traguardo del senso del vivere. Insomma, Michela e Fabio compiono un viaggio insieme e ne danno un resoconto non attendibile, fuori dalla verità comune. Perché nelle loro parole c’è la verità di un cielo che si  è specchiato senza cercare la deflagrazione. La metafora per fare intendere la catena di metafore sottese in ogni pagina, il fluire limpido e a volte magmatico dei pensieri e delle emozioni, lo sforzo per poter entrare nell’invisibile e trarne ragioni ineluttabili. Non è questo del resto il compito dei poeti? Non è quello di squarciare veli e di entrare nella magia di insondabili chimere per offrire poi la dovizia di nuovi cammini?

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Concerto della Banda “Valle del Savuto” a Conflenti nel contesto del progetto “saràBanda”

Nella sala consiliare del Comune di Conflenti si è tenuto il penultimo concerto dell’Associazione Musicale ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *