Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Il vaticanista Svidercoschi ha incontrato la comunità parrocchiale di Soveria Mannelli

Il vaticanista Svidercoschi ha incontrato la comunità parrocchiale di Soveria Mannelli

Gian Franco Svidercoschi

Sono tanti i Papi che ha avuto modo di seguire, con la sua consueta acutezza e pacatezza, da quando ha iniziato, nel lontano 1959, la carriera di “vaticanista”, cioè di giornalista che si è dedicato in modo particolare a osservare, analizzare e commentare le vicende del Vaticano e appunto dei vescovi di Roma che si sono succeduti sul soglio pontificio.

Il Santuario di N.S. di Fatima

Era l’anno in cui fu annunciata da Papa Giovanni XXIII la convocazione del Concilio Vaticano II, durato poi dal 1962 al 1965. Fu così che un giovanissimo Gian Franco Svidercoschi ebbe la possibilità di seguire uno dei momenti più importanti della Chiesa cattolica nell’epoca moderna, continuando fino ai nostri giorni a interessarsi di questo mondo e a spiegarlo ai più.

Proprio grazie all’esperienza di una vita, nel Santuario di Nostra Signora di Fatima, a Soveria Mannelli, Svidecoschi ha potuto sciorinare sapientemente i suoi ricordi, più o meno recenti, facendo rivivere ai tanti presenti alcuni eventi importanti della nostra storia, legati indissolubilmente a  quelli della Chiesa.

Don Roberto Tomaino

L’ospite è stato annunciato da don Roberto Tomaino, parroco della città, che ha definito questo incontro come “un sogno che si realizza per chi come me, giovane seminarista, ha avuto modo di meditare a lungo sul libro da lui scritto assieme a Giovanni Paolo II”; e presentato da Antonio Cavallaro, che ha messo in evidenza come “la presenza in questo territorio di una casa editrice come Rubbettino – per la quale Svidercoschi ha recentemente pubblicato il libro Un papa che divide? Le inevitabili contraddizioni di un pontificato rivoluzionario (su Papa Francesco) – consente scambi culturali di alto livello come questo”.

Antonio Cavallaro

Il vaticanista, con semplicità e competenza, ha quindi affrontato il tema portante dell’incontro: “I Papi e Fatima”, quanto mai adatto al luogo di culto in cui si è tenuto: il santuario dedicato pochi mesi fa a Nostra Signora di Fatima dal Vescovo di Lamezia Terme, Mons. Luigi Cantafora.

Pur ricordando un po’ tutti i Papi che ha avuto modo di incontrare nella sua lunga carriera, Svidercoschi ha voluto concentrare l’attenzione su un anno particolare, il 1978, l’anno dei tre Papi: Paolo VI, Giovanni Paolo I e Giovanni Paolo II, Papa Wojtila, con cui ha avuto rapporti molto stretti di collaborazione.

Gian Franco Svidercoschi

A tal proposito, ha detto “40 anni fa moriva Giovanni Paolo I dopo soli 33 giorni di pontificato, il tempo di un sorriso, come titolò un giornale dell’epoca. Questo Papa, che poteva apparire come una meteora nella storia millenaria della Chiesa, ha lasciato un segno importante ed è stato determinante per la nomina di Wojtyla, il Papa polacco, il primo non italiano dopo 456 anni, che sarà seguito da un tedesco e un argentino”. E Wojtyla proseguì il progetto di una Chiesa diversa, che il suo predecessore ebbe il tempo solo di abbozzare, fin dal momento della sua nomina, quando, contro la prassi e incoraggiato dal boato della folla, volle tenere subito un breve discorso, quello passato alla storia per la celebre frase: “se mi sbaglio mi corriggerete”.

Un Papa legato strettamente ai misteri di Fatima, il cui terzo segreto parlava proprio dell’uccisione di “un vescovo vestito di bianco”. E Ali Agca attentò in effetti alla sua vita nel 1981, proprio nel giorno della Memoria della Vergine di Fatima. Ma Wojtyla si salvò perché, come disse poi Papa Ratzinger, “esiste una provvidenza che può cambiare anche la storia”.

Svidercoschi e la statua della Madonna di Fatima

La vicinanza con il Vaticano e con i Papi ha consentito a Svidercoschi di immagazzinare ricordi importanti e a volte inaspettatamente divertenti come quello che ha riportato, per averlo appreso dal segretario di Papa Wojtyla: “Un nunzio apostolico di un Paese africano andò a trovarlo a Castel Gandolfo, durante un periodo di convalescenza, seguito al secondo intervento chirurgico reso necessario dalle conseguenze dell’attentato, e continuava a ripetergli che lo trovava proprio bene, talmente bene che gli sembrava stesse ancora meglio rispetto a prima dell’operazione”. E il Papa, con quell’ironia che non gli faceva difetto, gli rispose: “Eccellenza, ma allora perché non si fa operare anche lei?”.

di Raffaele Cardamone

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Nasce l’associazione “La Produzione delle Idee” fucina di progetti al centro della Calabria

“La Produzione delle Idee” è una nuova associazione che nasce a Lamezia Terme al centro ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *