Ultime Notizie
Home » COMUNI » Istituire il “Parco del Reventino” è un’opportunità da valutare per l’intero entroterra

Istituire il “Parco del Reventino” è un’opportunità da valutare per l’intero entroterra

L’UCID (Unione Cristiani Imprenditori e Dirigenti) nella sua azione tesa alla realizzazione e tutela del bene comune auspica che gli organi competenti considerino l’opportunità di istituire il “Parco del Reventino”, valutando le nuove opportunità imprenditoriali e lavorative che una tale realtà potrebbe generare nell’entroterra lametino. E’ quanto contenuto in una nota pervenuta in redazione da parte del presidente Caterina Apostoliti
dell’UCID di Lamezia Terme.

La tendenza green della politica economica può essere uno strumento di sviluppo dell’economia dei territori montani e collinari del lametino che, non diversamente dalla maggior parte dei territori dell’entroterra italiano, subisce inerte la crisi economica e l’abbandono del territorio da parte dei giovani privi di sbocchi nel mondo del lavoro
La tutela dell’ambiente, bene comune così caro a Papa Francesco da dedicarvi la “Laudato sì”, costituisce, oggi, un obiettivo ritenuto imprescindibile anche dalla Unione Europea che con la Green Public Procurement ha avviato un’azione volta a introdurre e rafforzare la sostenibilità dei consumi della Pubblica Amministrazione.

In merito alle opportunità cui danno luogo l’istituzione di aree protette e parchi naturali si riporta quanto evidenziato dal Rapporto su “L’economia reale dei parchi nazionali e delle aree protette” del 2014 elaborato dal Ministero dell’Ambiente e da Unioncamere per il quale: “quasi ovunque, laddove sono presenti aree naturali protette, sono nate associazioni e cooperative, spesso promosse da giovani. In particolare, in contesti caratterizzati da forte spopolamento, o da endemici fenomeni di sottoccupazione e disoccupazione giovanile, si sono sviluppati modelli imprenditoriali di accoglienza particolarmente innovativi,capaci di creare un effetto moltiplicatore sul territorio e di generare un indotto significativo in altre attività produttive.

Si tratta certamente di segnali interessanti, che potrebbero modificare in modo significativo le prospettive di sviluppo di questi territori e di altre aree del Paese (a partire dalle cosiddette “aree interne”), favorendo l’affermazione di un percorso di crescita sostenibile che, soprattutto nel Mezzogiorno, faccia leva proprio su un laboratorio di buone pratiche – in grado di coniugare sviluppo economico, crescita occupazionale, sostenibilità ambientale e produzioni di qualità – quale può essere il sistema delle aree naturali protette”.

Le possibilità di sviluppo e di incremento occupazionale coniugati con la tutela dell’ambiente cui dà luogo l’istituzione di aree protette e di parchi naturali attuano il cambiamento tanto auspicato dal Santo Padre nella Lettere Enciclica sulla Cura della Casa del Bene Comune: “I giovani esigono da noi un cambiamento. Essi si domandano com’è possibile che si pretenda di costruire un futuro migliore senza pensare alla crisi ambientale e alla sofferenza degli esclusi“.

L’Ucid ritiene che l’istituzione del “Parco del Reventino” possa costituire un primo passo verso un cambiamento effettivo, possa essere un mezzo idoneo a favorire nuove iniziative imprenditoriali, a creare nuovi posti di lavoro e a ingenerare nella popolazione un nuovo sentimento di speranza di poter costruire il proprio futuro anche nella propria terra e vicino ai propri cari.
Avv. Caterina Apostoliti
Presidente UCID Lamezia Terme

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: redazione@ilreventino.it - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Intitolazione del Santuario di Conflenti a Basilica Pontificia Minore: il Cardinale Sarah ringrazia don Adamo Castagnaro

di Emilio D’Assisi (Consigliere di minoranza – Comune di Conflenti) – Don Adamo (in basso ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *