Ultime Notizie
Home » OPINIONI » La replica di Pasquale Mancuso ai Docenti dell’IIS Costanzo sull’Area interna Reventino-Savuto

La replica di Pasquale Mancuso ai Docenti dell’IIS Costanzo sull’Area interna Reventino-Savuto

Pasquale Mancuso dell’Assemblea Nazionale PD (Già VicePresidente della Comunità Montana dei Monti Reventino/Tiriolo/Mancuso) replica con una lettera aperta ai Docenti dell’IIS “Luigi Costanzo” di Decollatura:

<< Devo ai Docenti dell’IIS Costanzo di Decollatura una risposta definitiva, resa obbligatoria da una manifesta distorsione del mio pensiero tracimata, non per mia scelta, in una polemica artificiosa.

Preliminarmente: la presunta lesione della “professionalità del corpo docente” è fuori da qualsiasi mia intenzione. La mia richiesta nasce esclusivamente da una condizione generale ed assai diffusa nel Mezzogiorno e che investe dolorosamente anche la nostra Regione: le conoscenze e le competenze di base sono meno robuste rispetto al resto del Paese. Non lo dico io: lo dice lo SVIMEZ… lo dice l’ISTAT ed anche recentissimi documenti prodotti dal MIUR; potrei continuare per ore o dobbiamo attardarci su dati che sono oggettivi dappertutto? Spero di no… sarebbe francamente patetico.

“La calza” è il ruolo che io non attribuisco a nessuno e men che meno mi soffermo sulle scelte del Governo Renzi sulla “Buona Scuola” che conosco, nel bene e nel male, questo sì, almeno al pari dei Docenti dell’IIS Costanzo.

Sulla temeraria affermazione “non conosce affatto la nostra scuola” stendo un velo pietoso: sono tra quei genitori, che, investiti di una pubblica funzione, decisero, qualche anno addietro, la costruzione proprio dell’attuale IIS Costanzo a Decollatura con un investimento pari, allora, ad un miliardo e mezzo di vecchie lire (ma questo è un dettaglio…) così come, da genitore, ho potuto apprezzare le virtù dell’IIS Costanzo e, se non ledo la dignità di qualcuno, anche alcuni palesi limiti condivisi da tantissimi genitori che hanno seguito i loro figli al Costanzo. Spero di non subire scomunica se esprimo un libero pensiero… (anche questo è un dettaglio…)

Non mi pronuncio sulla ribadita collegialità e democraticità degli organismi scolastici perché, semplicemente, su questo, non ho manifestato alcun dubbio e non capisco perché lo ribadiscano gli stessi Docenti.

Salto a piè pari sulle “libere interpretazioni” su alcune mie espressioni perché, gratuite ed infondate e sulle quali non mi voglio in alcun modo attardare, le ritengo espressione di puro… folklore ed insignificanti rispetto al confronto sul contenuto delle questioni sollevate che i Docenti eludono sostanzialmente.

Nel merito, che è quello che veramente conta, non aggiungo altro alle chiarissime parole del Sindaco/capofila di Carlopoli che “spiegano” il senso vero ed autentico di una difficoltà oggettiva che ha investito tutti i soggetti che hanno, con generosità, lavorato per l’attuazione della Strategia nel nostro Comprensorio e non immagino minimamente che gli stessi Sindaci abbiano, per calcoli egoistici e localistici, voluto privilegiare l’area del Savuto a discapito del Costanzo; mi auguro e spero che, tra poche ore, nella sede propria e consona ad una effettiva e non virtuale rappresentanza degli interessi, il Dirigente Scolastico Dott. Caligiuri, insieme al rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale ed agli altri attori convocati, possano individuare soluzioni che possano soddisfare, ed io credo ci siano pienamente le capacità progettuali del Costanzo; peraltro io non posso che tifare per il Costanzo, soprattutto, perché, mi auguro, che, presto e bene, lo stesso IIS Costanzo possa fare meglio degli Istituti “fratelli” di Chiaravalle Centrale e Sersale, anche loro di “aree interne”, ma, al momento ed al contrario del Costanzo, senza il supporto finanziario della Strategia Nazionale delle Aree Interne!

Lì, lo “scatolone” non era vuoto… perché, purtroppo, non c’era neppure lo scatolone: un buon motivo in più per rimanere dentro la Strategia nell’Area Reventino/Savuto che ha avuto il privilegio, per suo merito, di essere prescelta come “Area pilota”. L’abbandono unilaterale, in questo caso, sarebbe certamente incomprensibile perché l’occasione è unica e non può, saggiamente, non essere utilizzata. Io, come tanti, questo spero e mi auguro. Sinceramente!

Con i più cordiali saluti! >>

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: redazione@ilreventino.it - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Al Congresso del SPI – Cgil portato il saluto della Lega del Reventino

Al primo Congresso SPI – CGIL Area Vasta, svolto a Catanzaro, è stato portato il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *