Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » “La strada che non c’è” visita ai cantieri del deputato Parentela

“La strada che non c’è” visita ai cantieri del deputato Parentela

LA STRADA CHE NON C’E’: UN ECOMOSTRO LUNGO CHILOMETRI!
Parentela 1San Pietro Apostolo –   Potrebbe essere chiamata la strada del Reventino, anche per essere meglio identificata.  Vi riferiamo dell’importante è proficua visita ai cantieri della strada effetuata in compagnia dell’onorevole Paolo Parentela, già primo firmatario di un’interrogazione parlamentare sull’argomento, è quanto ha scritto il presidente del comitato “La strada che non c’è” Domenico Umberto Mazza, a commento della visita effettuata ai cantieri della costruenda infrastruttura. <<Oggi ho visitato – racconta Parentela – insieme agli attivisti del  M5S del Meetup di Serrastretta ed al comitato “La strada che non c’è” i cantieri della strada del Medio Savuto: un ecomostro lungo chilometri!. La vecchia politica ha isolato la zona, allontanandola dal resto della Calabria. Da ormai trent’anni promettono il completamento della strada, che donerebbe ai cittadini ed alle imprese del comprensorio nuova linfa vitale, anche sotto il punto di vista economico. Ogni giunta provinciale si è Parentela 4affrettata ad inaugurare tratti della strada con manifestazioni in pompa magna, senza però completare veramente la fondamentale infrastruttura. Ad ottobre 2013 ho presentato un’interrogazione parlamentare chiedendo al governo di adoperarsi per garantire i finanziamenti necessari al completamento dell’arteria, senza ricevere alcuna risposta. Oggi ho voluto vedere con i miei occhi lo stato dei cantieri, come quello della galleria vicino località Coraci, dove la presenza di una falda acquifera ha Parentela 5trasformato la galleria in un torrente (come potete apprezzare nella foto). Tutti i cantieri appaiono abbandonati a se stessi ed hanno lasciato soltanto un ecomostro lungo chilometri. I cittadini sono costretti a percorrere strade vecchie di 200 anni per raggiungere i principali centri calabresi. Qualche anno fa furono stanziati i fondi necessari per il completamento della strada, che furono successivamente girati alla copertura del debito sanitario. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, visto che neanche la sanità calabrese gode di buona salute. Anche le Parentela 2infrastrutture delle Ferrovie della Calabria andrebbero migliorate per garantire un servizio efficiente ad una vasta zona condannata altrimenti a morte certa, visto che i cittadini tendono sempre più ad abbandonare i comuni del comprensorio incapaci di garantire un futuro ai propri giovani. L’assenza di infrastrutture Parentela 3viarie rende troppo difficile la creazione d’impresa nel Medio Savuto, che è stato evidentemente abbandonato a se stesso da una politica che se ne ricorda solo nei periodi di campagna elettorale>>.

di: Santino Pascuzzi

Santino Pascuzzi, nasce a Cosenza, ed è residente a Soveria Mannelli. Diplomato al Liceo Scientifico “Luigi Costanzo” di Decollatura, consegue nell’anno accademico 1993/94 la laurea in Scienze Economiche e Sociali, indirizzo Organizzazione Aziendale ed Amministrazione Pubblica, presso l’Università degli Studi della Calabria. Corrispondente del quotidiano Gazzetta del Sud, dal 1995, iscritto all’albo dei Giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Formativa l’esperienza radiofonica, come conduttore e programmatore del palinsesto, svolta con l’emittente Radio Soveria Uno, partecipando anche al progetto di utilità collettiva art. 23, avente per oggetto la diffusione di informazioni sull’attività dell’ente locale, attraverso la redazione delle edizioni dei notiziari radiofonici, svolto per il periodo tra gli anni 1988/1989. Ha partecipato come collaboratore ai lavori di ricerca “Istituzioni locali e Istituzioni centrali dall’Unità alla Regionalizzazione” finanziata dal C.N.R. presso il Dipartimento Organizzazione Aziendale e Amministrazione Pubblica - Università della Calabria - per il periodo 1992/1994. Ha svolto incarichi come docente nei corsi di specializzazione dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Soveria Mannelli per le materie di Marketing ed Economia Aziendale. Svolgendo, nel contempo, attività di comunicazione istituzionale ed organizzazione di eventi e convegni, ha curato la pubblicazione di articoli per riviste e periodici regionali: Calabria - mensile del Consiglio Regionale della Calabria; reportage - periodico del lametino; Internet Extra - periodico specializzato e strumento per la diffusione della cultura di Internet; Obiettivo Calabria – rivista del Sistema Camerale Calabrese; Mediaterraneo e Dintorni – pubblicazione edita dall’aeroporto di Lamezia Terme. E’ fondatore, insieme a Raffaele Cardamone e Salvatore La Rocca, occupandosi della redazione, del sito www.ilReventino.it

Verifica altro

Decollatura, il gruppo Passaggiari Avanti anima il borgo nel rispetto delle tradizioni

Un’iniziativa portata avanti da anni e che ha conquistato i visitatori per qualità e capacità ...

4 Commenti

  1. Un GRAZIE davvero sentito all’onorevole Paolo Parentela per aver almeno cercato di capire il dramma della popolazione di quest’area interna della Calabria che viene presa in giro da anni. Ho passato un quarto di secolo in attesa di questa strada che avrebbe senz’altro migliorato la qualità della mia vita, visto che ho viaggiato molti anni per Catanzaro. Così come ho atteso invano un miglioramento delle Ferrovie della Calabria, che a un certo punto erano arrivati a chiamare pomposamente “metropolitana di superficie”, ma con il servizio rimasto uguale a sempre se non peggiorato… Raffaele Cardamone

  2. Giovanni Scarcello

    HANU ‘NÀUGURATU… Hanu ‘nàuguratu l’atru jurnu nu’ pezzarìellu ‘e via, cuminciatu ‘ u seculu precedente / ‘ca collega direttamente – passandu supra ‘a ferruvia – Decollatura ccu’ Suveria. / Ma ‘a ‘nnùe ‘u nne’ serva ‘nnente, ‘ca sta’ diretta l’avìmu già de’ anni! / Ne’ sèrva cchiù chilla ccu’ Cusenza! / Eh, ‘u nte’ precipitare, tu nde’ vùe troppu! / E cose…..nùe cca’ ‘e facìmu chìanu chìanu, ‘ca hanu ‘e essere perfette! / E allùra…. ‘u nn’avìre fretta, n’atru pocu aspetta. / Ppe’ Cusenza……cce’ vo’ armènu n’atru mìenzu seculu…..’e pàcienza! / E…..ppe’ Catanzaru? / Ah, mo’ vo’ jre…..troppu ‘mpàru!!

    • Le persone del nostro territorio non deludono mai!… Nella capacità, da parte di Giovanni Scarcello (con il quale mi complimento vivamente), di rispondere con una poesia in vernacolo alla solita farsa dell’inaugurazione di un’opera incompiuta… per di più da decenni, c’è tutta l’ironia di questo mondo e in più l’arguzia e l’intelligenza di un popolo che ne ha viste di tutti i colori e ora comprende al volo l’inganno che da troppo tempo viene perpetrato ai nostri danni… Raffaele Cardamone

  3. Giovanni scarcelo

    Grazie Raffaele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *