Ultime Notizie
Home » COMUNI » Carlopoli » La transumanza, ricordi indelebili di suoni e odori delle mandrie che rivangano nella memoria

La transumanza, ricordi indelebili di suoni e odori delle mandrie che rivangano nella memoria

di Paolo Arcuri

La transumanza passava nei paesi interessati dal tragitto disegnato dai mandriani, alla fine di settembre, ed il passaggio rimaneva un evento come in molti rivangano nei ricordi, poichè accadeva più spesso nel recene passato, per esempio a Panettieri e a Castagna di Carlopoli, centri posti a ridosso della Sila. 

Mandria sulla riva del lago Arvo vicino Lorica in Sila.

Le grandi mandrie lasciavano gli altopiani silani per spostarsi sui pascoli del litorale ionico, nelle terre del Marchesato. Centinaia di capi si riversavano nella via principale.

L’emozione era forte, ogni ragazzo o bambino al primo rumore lasciava i loro giochi nelle strade e accorreva al passaggio della transumanza. Vedere quelle possenti bestie, accalcate l’una a l’altra che spingevano e strusciavano tra le strette mura delle case era qualcosa di soprannaturale: massa di carne, potenza di muscoli che si muovevano in un assordante frastuono metallico di campanacci, accompagnato da una corale sconnessa di muggiti.

Era un vero spettacolo che si ripeteva a fine estate e, noi bambini con le pezze al culo non potevamo mancare; protetti sulle scale esterne delle case restavamo affascinati dalle grandi corna delle Chianine, le lunghe lingue pendolanti dalle schiumose bocche delle Podoliche.

Quando l’ultimo bovide era ormai passato ci si accodava ai mandriani dalle ispide barbe muniti di bastoni, cercavamo d’imitare i loro fischi, le gesta, i vocalizzi, le urla, ci affascinava tutto della padronanza che avevano sulla mandria.

La transumanza di notte nei presssi di Camiglaitello in Sila.

Poi appena l’ultima casa veniva superata si tornava indietro, nelle vie delle nostre case, protetti nell’isolamento del piccolo paese… da quaderni di memorie.

Gli scatti a corredo dell’articolo sono opera del gionalista e blogger Omar Falvo.

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: redazione@ilreventino.it - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Conflenti, elevato a Basilica minore pontificia il santuario diocesano mariano

Un preciso programma degli appuntamenti regola la giornata per l’elevazione a Basilica del santuario mariano ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *