Ultime Notizie
Home » OPINIONI » Quando l’errore umano è frutto di scelte politiche sbagliate

Quando l’errore umano è frutto di scelte politiche sbagliate

DSCI0848Era il 6 marzo 2014 quando due treni si sono scontrati frontalmente sulla tratta a binario unico Cosenza – Catanzaro, per fortuna nessuno morto ma molti contusi ed un ferito grave che ancora oggi porta i segni di quell’incidente.

12 luglio 2016, scenario diverso, regione diversa ma nuovamente due treni si scontrano frontalmente, 27 morti e circa 50 feriti. Dopo ogni disastro si cercano i colpevoli, si assiste alla sfilata delle autorità che portano il loro cordoglio, si reclama a gran voce giustizia e poi tutto tace.

Tacciono le autorità, perché a loro importa solo se il colpevole sia il capotreno oppure il capostazione. Sicuramente c’è l’errore umano nessuno lo mette in dubbio ma dietro la tragedia successa in Puglia c’è anche una responsabilità politica, l’1,2 % di investimenti ferroviari al sud è ridicolo, ed anche il 19% degli investimenti complessivi è poco rispettoso.

img Incidente ferroviario PugliaNel 2016 abbiamo aerei che infrangono il muro del suono, andiamo su Marte a cercare forme di vita, eppure ci sono uomini e donne che muoiono per un binario unico e per le comunicazioni che forse non hanno funzionato.

In realtà la cruda verità è che si muore anche perché si è deciso di lasciare il sud indietro, ci sono le rocce e non si possono fare le infrastrutture, perché da qualche parte si devono tagliare le spese e le spese si tagliano soprattutto al sud. La tratta dove ieri è successo il tragico incidente doveva essere ammodernata entro il 2015 con soldi stanziati anche dall’UE ma qualche “mangiapane a tradimento” ha deciso di non farli quei lavori.

img strada medio savutoDi questi finanziamenti destinati ad infrastrutture che non vengono mai completate ne è un valido esempio la Medio Savuto, un’arteria di fondamentale importanza sia per i comuni del Reventino che del Savuto.

Questa strada doveva rappresentare un collegamento rapido con la SS 280 dei Due Mari e l’autostrada A3, un progetto i cui lavori ebbero inizio negli anni novanta ed ancora oggi invece si vive il disagio di dover raggiungere i principali centri urbani regionali attraverso strade costruite in età borbonica che alle prime piogge, causa smottamenti, vengono chiuse.

I soldi che dovevano essere spesi per queste infrastrutture e che poi prendono vie traverse a quanto sembra vengono barattati con la vita di persone che la mattina si svegliano per andare al lavoro, a scuola e non tornano più a casa. La colpa quindi è anche di chi deve investire al sud e non lo fa, di chi decide che i soldi destinati alle infrastrutture possono essere gestiti diversamente.

img sautostrada a3Anche sull’A3 il 12 luglio 2016 tra le uscite di Rogliano e Grimaldi direzione sud si è verificato l’ennesimo incidente, un tir messo di traverso ha bloccato per un paio d’ore autostrada ed automobilisti, altro esempio di investimenti non fatti o fatti a metà perché si è deciso che l’A3 è pronta per essere inaugurata tra qualche mese se poi mancano 58 km da ammodernare poco importa, le autorità devono tagliare il nastro.

Tutte le strutture preposte dovrebbero garantire la sicurezza e l’incolumità di chi ogni giorno percorre queste strade e queste tratte ferroviarie obsolete, che necessitano urgentemente di ammodernamenti, perché al sud nessuno è figlio di un Dio minore.

E’ possibile nella sezione sotto “Lascia un commento” – dopo aver inserito i dati richiesti – scrivere un breve messaggio. Vi ricordiamo di cliccare nel riquadro: Avvertimi via e-mail in caso di risposte al mio commento.

di: Gesina Cardamone

Avatar
Gesina Cardamone nata è cresciuta a Soveria Mannelli, dopo aver conseguito la maturità scientifica si è laureata con lode nel 2011 presso la facoltà di Scienze Politiche dell’università della Calabria con una tesi in Finanza etica ed impresa sociale in Calabria. Ha avuto modo di studiare da vicino i rapporti tra etica ed economia indagando su cosa siano il microcredito e l’impresa sociale in Calabria, avvicinandosi per motivi di studio ad un’importante realtà calabrese quale la Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme. Durante gli studi ha lavorato per un breve periodo presso lo sportello per le pari opportunità dell’ università della Calabria ed ha svolto il servizio civile presso la sede Avis del proprio paese. In passato ha scritto anche per Notia.it come referente di zona.

Verifica altro

È arrivato il momento di agire davvero: le proposte dell’IIS Costanzo per l’ambiente

A cura dei ragazzi del Liceo Scientifico “L. Costanzo di Decollatura” – “Perché non riduciamo ...

2 Commenti

  1. Avatar

    Tutto giusto. E’ ora però di unire le nostre voci con azioni concrete, altrimenti rimarranno ancora una volta solo belle parole!

    • Avatar
      Gesina Cardamone

      Non solo unire le voci con azioni concrete ma anche e soprattutto imparare che noi cittadini, quando ci viene permesso, abbiamo un importante strumento per farci sentire: il voto. Il voto che è importante anche a livello locale e regionale perché sono loro che hanno il compito istituzionale di difendere il territorio che rappresentano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *