Ultime Notizie
Home » COMUNI » Provincia di Catanzaro, illustrato bando di gara nuovo tratto della Strada del Medio Savuto

Provincia di Catanzaro, illustrato bando di gara nuovo tratto della Strada del Medio Savuto

Catanzaro – Illustrato il bando di gara per la realizzazione di un nuovo tratto della Strada del Medio Savuto. Il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno: sempre di più la strada che non c’è comincia ad esserci. La Regione Calabria mette a disposizione altri 4 milioni di euro.

 “La pubblicazione del bando di gara per la realizzazione del completamento del tronco stradale compreso tra gli svincoli tra la Statale 616, circa tre chilometri rappresenta un ulteriore passo in avanti verso l’apertura al transito veicolare di un altro tratto della Strada del Medio Savuto. Sempre di più la ‘strada che non c’è’ comincia ad esserci: oggi, quindi, non può che essere una giornata importante perché consegniamo alle comunità del Reventino, che aspettano quest’opera da quarant’anni, fatti e non parole”.

Il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, ha così illustrato lo stato dei fatti riguardo la realizzazione dell’opera viaria, nel corso di una conferenza stampa – svolta nella mattinata dello scorso 15 febbraio 2018 – alla presenza di sindaci, amministratori, tecnici, direzione dei lavori e i rappresentanti del Comitato di cittadini “La strada che non c’è”, presieduto da Domenico Mazza – il bando di gara pubblicato dall’amministrazione provinciale nei giorni scorsi per l’aggiudicazione del progetto per la realizzazione del completamento del tronco stradale compreso tra il bivio di Coraci (nel comune di Colosimi in provincia di Cosenza) e Soveria Mannelli Nord-Borboruso: lo scopo di questi lavori, che ammontano a 9.650.000 euro, è quello di rendere funzionale e fruibile in maniera completa il primo tratto, anche sotto il profilo degli impianti di illuminazione e antincendio.
La Regione Calabria impegna 4 milioni di euro per un altro tratto.
Un’occasione importante per fare il punto su un’arteria attesa da decenni dalle popolazioni dell’entroterra destinata a costituire l’infrastruttura viaria più importante della Calabria centrale, quale percorso alternativo all’autostrada A2, risolutiva per lo sviluppo delle zone interne della Presila catanzarese. Il bando per l’aggiudicazione di questo nuovo tratto – i termini per la presentazione delle offerte scadranno i primi di marzo – arriva a sei mesi dall’apertura al traffico del tratto fra gli svincoli di Soveria Mannelli e di Decollatura.
La presenza del vicepresidente della giunta regionale, Antonio Viscomi, ha permesso al presidente Bruno di certificare l’impegno della Regione di impegnare ulteriori quattro milioni di euro per consentire la realizzazione di un tratto della di collegamento Catanzaro-Cosenza fino allo svincolo di Altilia-Grimaldi, quindi con sbocco sull’autostrada A2 del Mediterraneo.

Alla conferenza stampa, oltre al presidente Bruno e al vicepresidente Viscomi, hanno partecipato gli ingegneri Giovanni Angotti ed Eugenio Costanzo, rispettivamente progettista e responsabile unico del procedimento; il dirigente provinciale del settore Infrastruttura, ingegner Floriano Siniscalco; l’ingegnere Luigi Zinno, dirigente generale del Settore Infrastrutture della Regione Calabria; l’ingegner Pino Iritano, dirigente del Servizio n. 5 del Dipartimento Infrastrutture e Lavori Pubblici della Regione Calabria; il vicepresidente della Provincia di Catanzaro, Marziale Battaglia. Tra i presenti, il consigliere provinciale delegato alla Viabilità, Ciccio Severino; i consiglieri provinciali Giacomo Muraca, Salvatore Pellegrino, Davide Zicchinella, l’ex sindaco di Decollatura Anna Maria Cardamone; Mario Tassone, già deputato e sottosegretario ai Trasporti, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri Gerlando Cuffaro, oltre che sindaci, amministratori, e rappresentanti del Comitato “La strada che non c’è”, con il presidente Domenico Mazza.

“La nostra azione in materia di lavori pubblici guarda alla sicurezza. Quando ci siamo insediati, alla fine del 2014, abbiamo trovato – ha detto il presidente Enzo Bruno della Provincia di Catanzaro – lavori fermi e cantieri abbandonati, una ditta che invece di procedere presentava riserve. Abbiamo avuto il coraggio di rescindere il contratto per dare una svolta all’opera, convinti che le incompiute fanno male al territorio e all’ambiente. La nostra azione in materia di lavori pubblici è quella di mantenere la sicurezza delle strade e delle scuole, lo stiamo facendo tra mille difficoltà economiche e normative, al nostro impegno quotidiano e al fatto che abbiamo ereditato un Ente sano e faremo di tutto per mantenerlo tale, nonostante la drammatica situazione in cui si trovano le Province. Quando si affronta un’opera di questo tipo, e si compiono importanti passi in avanti, è una vittoria per lo Stato che guarda ai territori anche attraverso le articolazioni come la Provincia di Catanzaro”.

Il dirigente generale dei Lavori pubblici della Regione, Zinno, ha messo in evidenza la tenacia del presidente Bruno nel superare lo stallo burocratico che aveva portato al fermo di questa infrastruttura, ricordando poi l’impegno della Regione alla statalizzazione di un tratto della Strada del Medio Savuto che favorirà la valorizzazione delle aree interne. Un coraggio, quello del presidente Bruno che viene riconosciuto e apprezzato anche dal consigliere provinciale Giacomo Muraca che dopo essersi complimentato per il lavoro svolto, ha posto anche la posto la questione delle risorse per il completamento della strada a partire dalle quelle messe a disposizione dal Cipe, poi dirottare altrove.

Da parte del vicepresidente della Regione Calabria, Antonio Viscomi, è stato rilevato come “il presidente Bruno è stato coraggioso. La buona amministrazione si fa anche con i ‘no’. Una strada non è solo una strada – ha evidenziato Viscomi – è luoghi, storia, identità ma anche futuro. La strada deve essere anche un modo per riscoprire quel territorio: non è solo un’opera pubblica è anche un elemento di attrazione di identità della comunità. In questo caso parliamo di una comunità che per troppi anni ha sofferto il disagio della mobilità”. Da qui la necessità, secondo Viscomi, anche della individuazione di un percorso di riflessione su come sostenere le aree interne, che “una definizione burocratica imposta dalla programmazione comunitaria, definisce in questo modo. Ma in realtà sono vivissime, con una loro autonomia territoriale, culturale, educativa. Voglio ricordare che la Regione ha raddoppiato i contributi per le aree interne – ha detto ancora – perché crediamo si possa lavorare su questo versante. La vicenda burocratica relativa alla Strada del Medio Savuto è stata affrontata dal presidente Bruno in modo coraggioso, un esempio di fare buona amministrazione. Amministrare bene – ha concluso Viscomi – non significa far correre le cose, bisogna avere il coraggio di affrontare le cose e saper dire anche ‘no’ con molta consapevolezza. Per dare risposte ai cittadini dobbiamo sempre di più lavorare in maniera sinergica puntando su una efficace rete istituzionale”.

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Veglione e serate dance, tre realtà locali si uniscono per proporre una serie di eventi

Importanti eventi sono previsti per le festività natalizie organizzate da tre diverse realtà della zona: ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *