Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Rivìentu propone “Kajin, dov’è la vita?”, il filmato del viaggio in aiuto ai profughi siriani in Grecia

Rivìentu propone “Kajin, dov’è la vita?”, il filmato del viaggio in aiuto ai profughi siriani in Grecia

Soveria Mannelli – Proiezione del documentario “Kajin, dov’è la vita?”. L’evento è organizzato da Rivìentu, ricordiamo che Rivìentu è la rassegna di eventi promossa dal Coordinamento Territoriale del Reventino che mette insieme le associazioni del territorio che hanno come obiettivo la rivalutazione del centro storico la valorizzazione delle risorse ambientali e la riscoperta delle tradizioni e tanto altro ancora. Rivìentu è l’anima della nostra montagna e delle sue valli che proprio da “Rivìentu” trae il nome “Reventino” (“Riventìnu”).   

Riguardo all’iniziativa in programma, “Kajin, dov’è la vita?” è il titolo scelto per il documentario realizzato a seguito della prima missione svolta dal gruppo di giovani componenti la Carovana Solidale e Resistente che hanno raggiunto i campi profughi siriani in Grecia, portando viveri e sostegno concreto a quanti scappano dalla propria terra per cercare di costruire un futuro diverso,  le riprese sono state effettuate all’interno dei campi profughi che, ancora oggi, ospitano circa 60.000 siriani, in maggioranza di origine curda, in condizioni estremamente difficili.  Per come programmato la proiezione del documentario è prevista per sabato 11 febbraio, alle ore 17,00, presso la sala conferenze del Centro di Aggregazione Giovanile (ex Mercato Coperto) di via Leo Longanesi a Soveria Mannelli, nell’intenzione di  condividere, con quanti vorranno intervenire, l’avventura che ha portato l’affetto, il sostegno e gli aiuti dell’ultima regione d’Italia agli ultimi del mondo, i profughi di guerra della Siria rifugiati nei campi della Grecia.

In una breve nota descrittiva dell’evento viene precisato che <<il viaggio della Carovana ha avuto inizio il 14 novembre 2016. Per sei lunghi giorni – come speriamo ricorderete dal diario di viaggio che quotidianamente abbiamo raccontato sulla nostra pagina Facebook – i carovanieri hanno visitato diversi campi profughi per consegnare gli aiuti umanitari, raccolti grazie all’aiuto e alla collaborazione di tutti voi, e documentare la realtà nella quale vivono migliaia di persone – uomini, donne e bambini – in fuga dalle bombe e dalla disperazione che si sono impadronite della Siria ormai da troppo, troppo tempo>>.

La Carovana Solidale e Resistente Calabrese è un progetto – scrivono gli organizzatori – nato da un’idea avuta nell’ambito della nostra “Una Montagna di Pace” una meravigliosa visione diventata poi un progetto concreto, che è stata realizzata quest’estate presso l’Abbazia Santa Maria di Corazzo a Carlopoli, grazie alla forza e alla collaborazione di alcune realtà della nostra regione – Rivìentu, la Rete dei Comuni Solidali, Equo Sud e l’ITT “Panella -Vallauri” di Reggio Calabria – tutte espressioni di impegno locale, sociale e politico collettivo.

Il comunicato stampa diffuso alla partenza della Carovana recitava: «[…] dall’ultima delle regioni italiane agli ultimi del mondo: i profughi in fuga dalla guerra in Siria». Queste parole ben descrivono la natura dell’iniziativa e delineano l’embrione del seme genesi del viaggio e dei suoi obiettivi. I profughi siriani hanno accettato a cuore aperto gli aiuti ricevuti sottolineando, in ogni circostanza, il bisogno di denunciare le loro condizioni di vita e l’urgenza di trovare soluzione ai loro problemi.

“Open the borders” è il loro grido d’aiuto! Aprite le frontiere è il nostro appello!

Gli organizzatori invitano i cittadini a partecipare per guardare insieme il documentario realizzato dai carovanieri:  Antonio Fazio, Mario Gigliotti, Enzo Infantino, Domenico Tramontana, Roberta Manfrida, Fatima Zara El Amrani, Lorenzo Galli, Christian Nacchi e Maurizio e per ascoltare le loro testimonianze.

di: Santino Pascuzzi

Avatar
Santino Pascuzzi, nasce a Cosenza, ed è residente a Soveria Mannelli. Diplomato al Liceo Scientifico “Luigi Costanzo” di Decollatura, consegue nell’anno accademico 1993/94 la laurea in Scienze Economiche e Sociali, indirizzo Organizzazione Aziendale ed Amministrazione Pubblica, presso l’Università degli Studi della Calabria. Corrispondente del quotidiano Gazzetta del Sud, dal 1995, iscritto all’albo dei Giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Formativa l’esperienza radiofonica, come conduttore e programmatore del palinsesto, svolta con l’emittente Radio Soveria Uno, partecipando anche al progetto di utilità collettiva art. 23, avente per oggetto la diffusione di informazioni sull’attività dell’ente locale, attraverso la redazione delle edizioni dei notiziari radiofonici, svolto per il periodo tra gli anni 1988/1989. Ha partecipato come collaboratore ai lavori di ricerca “Istituzioni locali e Istituzioni centrali dall’Unità alla Regionalizzazione” finanziata dal C.N.R. presso il Dipartimento Organizzazione Aziendale e Amministrazione Pubblica - Università della Calabria - per il periodo 1992/1994. Ha svolto incarichi come docente nei corsi di specializzazione dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Soveria Mannelli per le materie di Marketing ed Economia Aziendale. Svolgendo, nel contempo, attività di comunicazione istituzionale ed organizzazione di eventi e convegni, ha curato la pubblicazione di articoli per riviste e periodici regionali: Calabria - mensile del Consiglio Regionale della Calabria; reportage - periodico del lametino; Internet Extra - periodico specializzato e strumento per la diffusione della cultura di Internet; Obiettivo Calabria – rivista del Sistema Camerale Calabrese; Mediaterraneo e Dintorni – pubblicazione edita dall’aeroporto di Lamezia Terme. E’ fondatore, insieme a Raffaele Cardamone e Salvatore La Rocca, occupandosi della redazione, del sito www.ilReventino.it

Verifica altro

San Pietro Apostolo, per Pasqua la colletta di “Progetto Vita”: grande altruismo dei cittadini

di Fabio Sirianni – Anche in questa Pasqua la colletta organizzata dal gruppo associativo “Progetto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *