Ultime Notizie
Home » CULTURA&SPETTACOLI » Salvatore Settis presenta l’ultimo libro, incontro-conversazione a Lamezia Terme con i lettori

Salvatore Settis presenta l’ultimo libro, incontro-conversazione a Lamezia Terme con i lettori

Abbiamo accolto con grande piacere, noi de ilReventino.it, la notizia che il prof. Salvatore Settis, calabrese di Rosarno, gia docente all’Università di Pisa di Archeologia Romana, poi direttore per un decennio della Scuola Normale Superiore di Pisa, direttore del Paul Getty Museum di Los Angeles, ora consulente scientifico del Museo Louvre di Parigi, sarà a Lamezia Terme per parlare di  “Architettura e Democrazia e Paesaggio, città, diritti civili“, come recita il titolo del suo ultimo lavoro, edito da Einaudi. 

Il prof. Salvatore Settis, per chi lo conosce bene come chi scrive, suo allievo all’Università di Pisa, non è nuovo ad occuparsi di questi temi, relativi all’ambiente e al paesaggio italiano, con un impegno straordinario per la loro difesa da attacchi provenienti da più parti, come la speculazione edilizia o l’edificazione selvaggia in zone da preservare o a serio ed incombente rischio idrogeologico. Vogliano solo ricordare alcuni titoli della sua larga produzione in tal senso: Paesaggio. Costituzione. Cemento.La battaglia per l’ambiente contro il degrado civile. Einaudi 2010 – Se Venezia Muore. Einaudi 2014 – Il Mondo salverà la Bellezza. Responsabilità. Anima. Cittadinanza. Ponte alle Grazie 2014 -L’Italia SpA. L’assalto del Patrimonio Culturale. Einaudi 2007.

Bastano questi pochi titoli, escludendo dal novero tutti quelli dedicata alla conservazione e alla tutela dei Beni Archeologici, Paesaggistici, Architettonici, ai BENI CULTURALI in senso lato ed esteso, per comprendere ed apprezzare l’impegno di questo studioso di cui andar fieri come calabresi e come italiani. E accanto a questo voglio ricordare il suo impegno come presidente della Consiglio Superiore dei Beni Culturali che nel 2009 non esitò a dimettersi da questa importante carica come risposta alle scriteriate politiche dell’allora ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi.

In Calabria egli ha lasciato tracce importanti del suo impegno di studioso. Non ultimo con la cura e  l’organizzazione, insieme alla dott.ssa  Maria Cecilia Parra, anche lei sua allieva a Pisa ed ora docente all’UNIPI ed Archeologa,  della Mostra “Magna Graecia. Archeologia di un sapere” nei locali del Complesso Monumentale del S. Giovanni a Catanzaro nel 2005, che riscosse un successo straordinario di presenze e di apprezzamento da parte di tutti, cittadini semplici ed appassionati dell’antichità.

Ma non voglio nemmeno sottacere il suo impegno civile nella Politica (con la P maiuscola) nella difesa della Costituzione Repubblicana del 1948, a suo parere incompiuta in tanti  punti, in primi nell’affermazione del DIRITTO AL LAVORO, con il volume “Costituzione “ edito da Einaudi nel 2016. Sono tutti elementi che spero, fra coloro che leggeranno queste brevi righe, indurranno qualcuno a voler presenziare all’incontro di Lamezia Terme.

Un incontro dal grande sapore internazionale avrà luogo martedì 4 luglio (alle ore 19,00) a Palazzo Nicotera-Severisio. Il settecentesco palazzo lametino, sito in Piazza Tommaso Campanella e sede della Biblioteca Comunale e del Sistema Bibliotecario Lametino, ospiterà l’incontro con il prof. Salvatore Settis, archeologo e storico dell’arte di origini calabresi, in occasione della presentazione del suo ultimo libro “Architettura e democrazia. Paesaggio, città, diritti civili”, edito da Einaudi.

Tra le pagine della sua opera, Settis, dal 1999 al 2010 direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa, ateneo dove tra il 1963 e il 1965 si è laureato e ha ottenuto il diploma di perfezionamento in Archeologia classica, parla del paesaggio partendo da un quesito: possiamo distinguere il “paesaggio” da altre nozioni onnicomprensive come “territorio” o “ambiente”? In altre parole: la definizione di “paesaggio” è essenzialmente estetica (il paesaggio da vedere), oppure va intesa come fondamentalmente etica/ etologica (il paesaggio in cui vivere)?

L’archeologo italiano dialogherà con il prof. Renato Laganà dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. A coordinare l’incontro sarà il giornalista Salvatore D’Elia.

Alcuni tratti biografici di Salvatore Settis:

Nato a Rosarno il 11 giugno 1941, Settis nel 2003 ha vinto il premio Viareggio nella categoria Saggistica con “Italia S.p.a. L’assalto al patrimonio culturale”. Dal 2004 è membro del Comitato dei garanti della Scuola Galileiana di Studi Superiori dell’Università di Padova. Il 20 novembre 2007 l’Università di Padova gli conferisce la laurea honoris causa in Giurisprudenza. Il 29 ottobre 2008 l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” gli conferisce, alla presenza del Presidente emerito della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, la seconda laurea honoris causa in Giurisprudenza. Il 14 gennaio 2014 il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca Maria Chiara Carrozza gli ha conferito a Reggio Calabria, nel corso di una cerimonia svoltasi nell’Università “Mediterranea” la laurea honoris causa magistrale in Architettura. È tuttora presidente del Consiglio Scientifico del Louvre.

 

di: Gabriele Emilio Chiodo

Verifica altro

A Rogliano, l’Associazione culturale “RinnovaMenti” promuove un convegno sul Sessantotto

“Cos’è stato il Sessantotto, mito o realtà”: è il tema del convegno che si terrà ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *