Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Soveria Mannelli: divieto d’uso idropotabile di acqua della rete comunale nelle frazioni Colla e Carracchio

Soveria Mannelli: divieto d’uso idropotabile di acqua della rete comunale nelle frazioni Colla e Carracchio

In seguito a un sospetto di inquinamento delle acque nel tratto di rete idrica comunale che serve le frazioni di Colla e Carracchio, il sindaco di Soveria Mannelli Leonardo Sirianni ha fatto tempestivamente eseguire l’autocontrollo sulle acque potabili della zona, che era stato effettuato solo qualche settimana fa e che ha purtroppo confermato il sospetto di inquinamento.

Ciò ha richiesto l’emissione di un’ordinanza del Sindaco per vietare in tale zona del territorio comunale l’utilizzo delle acque della rete comunale per uso idropotabile: «le acque devono ritenersi non idonee per gli usi potabili, incorporazione negli alimenti e come bevanda, consentendo l’uso esclusivamente per fini igienici (sciacquone del wc)» recita testualmente l’ordinanza.

Superata l’emergenza, l’attenzione si è spostata verso le famiglie residenti in tali località, che sono pertanto rimaste prive di acqua potabile. Per risolvere momentaneamente il problema, l’amministrazione comunale si è subito attivata allertando il gruppo di volontari di Protezione Civile NERS di Decollatura che prontamente hanno risposto (con professionalità e impegno) provvedendo con un’autocisterna a rifornire di acqua potabile la popolazione interessata dal disagio. E inoltre è stata fornita dall’amministrazione anche una scorta di acqua imbottigliata per le esigenze alimentari dei cittadini.

L’amministrazione comunica altresì che sono in corso ulteriori accertamenti sulle acque di tutta la zona interessata al fine di pervenire, nel più breve tempo possibile, alla soluzione definitiva dell’increscioso incidente.

La causa sembrerebbe già essere stata individuata e questo, completati gli opportuni accertamenti già in corso di esecuzione, dovrebbe consentirne la completa risoluzione del problema in tempi brevi. Il sindaco Leonardo Sirianni si è detto «dispiaciuto per il disagio che i cittadini sono costretti a sopportare». Molto probabilmente tutto potrà essere risolto semplicemente con la ripulitura di un tombino e la sostituzione di un tubo dell’acquedotto. A ogni modo, l’amministrazione si impegna a tenere costantemente informati i cittadini interessati sugli sviluppi della vicenda.

Raffaele Cardamone

PER CONSULTARE INTEGRALMENTE L’ORDINANZA DEL SINDACO: ordinanza6-acqua

di: Raffaele Cardamone

Avatar
Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

San Pietro Apostolo, il museo permanente nel Palazzo Tomaini custode della memoria storica

San Pietro Apostolo – Quante volte abbiamo sentito dire che sarebbe davvero un peccato far ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *