Ultime Notizie
Home » COMUNI » Spettacolo per la prima volta dei Gen Verde a Lamezia. A Conflenti inaugurazione della fazenda femminile

Spettacolo per la prima volta dei Gen Verde a Lamezia. A Conflenti inaugurazione della fazenda femminile

Per la prima volta programmato lo spettacolo dei Gen Verde a Lamezia Terme, un  appuntamento per una due giorni di eventi promossi dal movimento dei Focolari della Calabria – per come contenuto in una nota pervenuta in redazione dall’ufficio comunicazioni sociali della diocesi di Lamezia Terme – che ha inserito nel programma anche l’inaugurazione della fazenda femminile a Conflenti. 

Per la prima volta i Gen Verde, gruppo artistico internazionale nato dall’esperienza spirituale del movimento dei focolari fondato da Chiara Lubich, si esibirà a Lamezia Terme, in un duplice appuntamento: venerdì 14 e sabato 15 luglio alle 21 al Teatro comunale Grandinetti. Voci di popoli e culture diversi, espressioni artistiche differenti dal canto alla danza alle percussioni, daranno vita allo spettacolo On the other side, un invito a mettersi dalla parte dell’altro, del fratello, vivendo concretamente quella fraternità che è uno dei pilastri della spiritualità focolarina. L’evento di venerdì e sabato prossimo si inserisce in un programma di eventi, promosso dal movimento dei Focolari della Calabria, che si concluderà domenica 16 luglio con l’inaugurazione della fazenda femminile a Conflenti.

A presentare lo spettacolo dei Gen Verde, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nel salone dell’episcopio della diocesi lametina, le artiste del gruppo Adriana Garcia e Raiveth Banfield che hanno sottolineato “il messaggio che da cinquant’anni i Gen Verde vogliono veicolare attraverso la musica e le diversi arti: se vuoi il mondo cambi, comincia da te. E’ un onore per noi essere in Calabria, una terra dove ci sono tante energie positive e segni di bene”. Le artiste hanno presentato i laboratori che in questi giorni si stanno svolgendo a Lamezia, per coinvolgere giovani e meno giovani lametini e calabresi in attività artistiche e teatrali.

Nella foto da sx Amelia Stellino, Adriana Garcia, Raiveth Banfield, Don Roberto Tomaino, Nelson Giovanelli, Giovanni Bardo, Maria Concetta Libra, Fra Hans Stapel

In vista dell’inaugurazione della fazenda femminile, che si svolgerà domenica alle 16 a Conflenti in località Querciuola, presenti questa mattina in conferenza stampa i fondatori della Fazenda da Esperança, Fra Hans Stapel e Nelson Giovanelli, che nel 1983 in Brasile diedero vita alla prima comunità di giovani tossicodipendenti in cui lo stile di vita evangelico rappresenta la medicina e la via di uscita per liberarsi dalla tossicodipendenza e  costruire un personale progetto di vita.

“L’inaugurazione della fazenda femminile, a due anni dall’inaugurazione della fazenda maschile qui a Lamezia, – hanno spiegato i due fondatori – è un grande dono per questa terra e per tutta la nostra comunità. Ringraziamo il Vescovo Cantafora per l’impegno con cui in questi anni ha fatto conoscere la Fazenda come luogo dove si può trovare aiuto e dove si può dare aiuto attraverso le esperienze di volontariato.

L’apertura della fazenda femminile di Conflenti è tappa di un viaggio internazionale che noi fondatori, insieme a sessanta giovani volontari che hanno già completato il primo anno del percorso, stiamo facendo nelle nostre comunità in Europa.

Oggi nel mondo ci sono 124 comunità fazende,  in diciassette Paesi che stanno aiutando oltre 3mila giovani”.

Spazio ai temi dell’economia e della politica con la “Mariapoli”, evento regionale annuale promosso dal movimento dei Focolari. Ad illustrare i laboratori di economia sociale, che si svolgeranno dal pomeriggio di venerdì al pomeriggio di sabato presso un hotel di S. Eufemia, la presidente della commissione regionale della scuola di Economia sociale, civile e di comunione Amelia Stellino che ha messo in evidenza “il filo conduttore degli appuntamenti formativi, quello di costruire un’economia che esca dai meccanismi dell’economia speculativa per guardare al bene comune”. Testimonianze di tanti imprenditori calabresi nella due giorni dedicati all’economia sociale, che inizierà domani sera alle 21 in un bar di S.Eufemia in Piazza Italia con un’iniziativa fortemente simbolica: lo slotmob, per sostenere i bar che hanno messo da parte le slot machine e fatto più spazio alle persone.

A presentare il laboratorio politico, che durerà tutta la giornata di sabato prossimo 15 luglio a S. Eufemia a partire dalle 9.30, il sindaco di Castrolibero, Giovanni Greco, componente della commissione regionale Calabria del movimento politico per l’unità, indicando gli obiettivi del movimento che nasce dall’esperienza dei focolarini “che guarda alla politica come servizio, che mette insieme le energie di tutti coloro che si impegnano, al di là delle cariche e dei colori politici, per discutere insieme su come realizzare concretamente la fraternità, con l’ambizione di unire un Paese che ha tanto bisogno di unità e fratellanza”. Tra gli ospiti del laboratorio, insieme a tanti amministratori calabresi, il sindaco Mimmo Lucano che parlerà dell’esperienza di accoglienza e integrazione al Comune di Riace divenuta un modello positivo a livello internazionale.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Il gruppo NERS ha preso parte alla formazione del progetto “Io Non Rischio Scuola”

Il Nucleo Ermergenze Reventino Savuto (NERS) ha preso parte con Antonella Perri, appartenente al gruppo ...

Lascia un commento